Seleziona una pagina

Inauguriamo questa nuova rubrica nella quale conosceremo più a fondo alcune (e alcuni) nostre (e nostri) compagne (e compagni) originari di Paesi diversi dall’Italia. Cominciamo con Elena della 2^B.

Da quanto tempo sei in Italia?

Sono arrivata settembre dell’anno scorso, dunque da poco piú di un anno

Quanti anni avevi quando ti sei trasferita in Italia?

Sono giunta qui a 11 anni

Hai avuto difficoltà ad ambientarti in Italia?

All’inizio la scuola mi sembrava molto diversa da quella da cui provenivo: i compagni, gli orari, i compiti… Non è stato facile adattarsi, però poco a poco sono riuscita ad abituarmi a questa nuova realtà.

Come mai sei venuta in Italia? E perché proprio a Bari?

Come nella maggior parte dei casi succede, per motivi di lavoro dei miei genitori. Dopo lunghe ricerche abbiamo optato per Bari perché offriva migliori servizi rispetto alle altre città, l’aeroporto non era molto distante e abbiamo trovato una casa che soddisfaceva le nostre esigenze.

Cosa ti piace di Bari? E della tua città di origine?

Un ottimo pane, focaccia, il mare e non dimentichiamo la pasta. Invece, riguardo la Spagna o meglio Madrid, mi mancano tantissimo i miei amici, la scuola e l’ambiente allegro.

Quali differenze noti tra Bari e Madrid?

Le città sono già diverse tra loro, basta vedere le dimensioni. Inoltre, Madrid è più moderna, offre molte più attività, ma è assente il mare, cosa che complica molto il passare delle ore in estate dove arriviamo a temperature altissime.  Inoltre, la scuola è molto diversa: prima andavo a scuola dalle 9:00 alle 17:00; le attività extra-scolastiche si facevano nell’intervallo del pranzo, non c’erano tanti compiti perché si lavorava a scuola e il programma era diverso. 

Quanto tempo ci vuole per arrivare in Italia?

Più o meno ci vogliono 2 ore e mezza da Madrid per arrivare a Bari

Quali sono le festività più importanti?

Come in Italia c’è Natale; da noi, poi, il 6 gennaio non è il giorno della befana, ma “Reyes” cioè il passaggio dei Re Magi che portano regali, e si tiene una “cabalgata” nella quale passano dei carri mascherati da cui vengono lanciate caramelle. Altre festività importanti sono San Isidro il 15 maggio, Giovedì e Venerdì Santo, Capodanno.

Ci sono particolari tradizioni per il Capodanno?

Una delle tradizioni madrilene più radicate per dare il benvenuto al nuovo anno è quella di mangiare dodici chicchi d’uva (una per ogni tocco di campana) alla Puerta del Sol alla mezzanotte del 31dicembre. Si passa di casa in casa a cantare e alla fine si riceve una piccola ricompensa. I protagonisti della tavola durante tutto il periodo natalizio sono: torrone, marzapane, roscon (6 gennaio), jamón pata negra, cordero e cochinillo.

Quali sono i piatti tipici?

Tortilla de patata, el cocido, las patatas bravas, huevos rotos, jamon iberico, bocadillo de calamares, chocolate con churros e gambas al ajillo

A questo punto non ci resta che augurare…buen provecho (buon appetito)!

La Redazione della 2^B